Il Consiglio provinciale approva il Contratto di Lago del Cusio: vediamo i progetti

Il Consiglio provinciale approva il Contratto di Lago del Cusio: vediamo i progetti

4 Ottobre 2021 Off Di Redazione
Condividi la notizia...

Nel corso della seduta di Consiglio provinciale del 30 settembre è stato approvato il Contratto di lago del Cusio e la firma da parte dell’Ente.

Si tratta di un documento per l’attuazione delle politiche territoriali di tutela, valorizzazione e promozione di usi ambientali compatibili dei territori dei bacini idrografici di riferimento.

L’ITER DEL CONTRATTO DI LAGO

Il primo Contratto novarese é stato quello del torrente Agogna: fu uno dei 4 Contratti sponsorizzati e finanziati dalla Regione come prima sperimentazione della nuova modalità di gestione dei territori afferenti a fiumi e laghi. Il Contratto di lago del Cusio è arrivato invece con un processo di forte responsabilizzazione della Pubblica Amministrazione.

Un primo interessamento per l’attuazione di un Contratto di lago per il territorio del Cusio c’è stato nel 2017: l’Ecomuseo del Lago d’Orta e Mottarone si è interessato in prima linea delle procedure per giungere alla stesura e alla firma del Contratto di Lago per il Cusio.

La Regione Piemonte e le Provincie di Novara e del Verbano-Cusio-Ossola lo hanno individuato come Ente promotore dell’accordo che si è quindi concretizzato nel Contratto di lago, con la collaborazione e il supporto delle due Province interessate.

Nel 2018 sono stati organizzati incontri sul territorio per ottenere un’ampia e motivata condivisione dei principali argomenti del Contratto, incontri che hanno visto la partecipazione e il coinvolgimento di molti portatori di interesse: le Amministrazioni comunali, i vari Enti istituzionali (Arpa Piemonte, CNR IRSA di Pallanza, Ente di Gestione delle Aree Protette del Ticino e del Lago Maggiore, Ente di Gestione delle Aree Protette della Valle Sesia), le associazioni di categoria (Cna Piemonte Nord, Confartigianato Imprese Piemonte Orientale), gli Enti privati, gli operatori turistici, le industrie, gli operatori economici, le Istituzioni scolastiche, le associazioni sportive, culturali e di volontariato.

Il confronto con il territorio e i suoi svariati rappresentanti ha portato alla firma del Protocollo di intesa, sottoscritto nel dicembre del 2018 a San Maurizio d’Opaglio: 86 i primi firmatari, divenuti 122 nel maggio 2021.

Nel 2019 la Segreteria tecnica del Contratto aveva redatto i documenti necessari alla Valutazione Ambientale Strategica, terminando la fase di specificazione nel marzo 2020, con il recepimento dei contributi sia della Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio, sia dell’Organo Tecnico Regionale.

Era, quindi, proseguito il lavoro di integrazione dei documenti e nel dicembre 2020 era stato dato l’avvio alla fase di valutazione e consultazione pubblica che si é conclusa nell’aprile 2021. Conclusione che ha visto l’espressione del parere motivato da parte dei competenti uffici della Regione Piemonte.

La Segreteria tecnica ha quindi concluso il lavoro di integrazione dei documenti ed ha proceduto alla pubblicazione online della documentazione su sito dedicato.

Negli ultimi mesi è stato redatto il testo del Contratto di Lago del Cusio, inviato quindi a ogni soggetto firmatario. Con il testo è stata inviata anche una scheda personalizzata di riepilogo delle proposte avanzate e la versione finale del Piano d’azione in vista della firma ufficiale del Contratto, prevista per i prossimi giorni a Omegna.

I PROGETTI

Per lo sviluppo delle varie azioni, che vedono la condivisione di vari obiettivi tra i quali quello della sostenibilità, e per supportare le azioni previste dal Piano d’azione, sono stati elaborati o sono in corso di elaborazione, alcuni progetti:

“Ecolago” (dedicato alla valorizzazione sia del canneto di Gozzano, sia di un’area spondale lungo Agogna, finanziato dalla Comunità del Novarese Onlus con 29.500 euro e attualmente  in fase di svolgimento), “Cartellonistica al Canneto di Gozzano” (progetto collegato al precedente ed è già stato realizzato grazie ad un contributo di 6.000 eyricon l’intervento del Lions Club), “Il canneto di Gozzano e il suo ecosistema” (finanziato da CRT con 8.000 euro e in corso di svolgimento), “RisOrta” (prevede l’utilizzo di bivalvi d’acqua dolce come biosentinelle: è finanziato dal FAI, con 20.000 euro, e dal Comune di Orta, con 5.000 euro e partirà nel 2022), “CondiVisioni digitali” (creazione di una piattaforma di scambio dati tra cui il sito del Contratto di Lago del Cusio https://sites.google.com/view/contratto-lago-cusio/home-page: è finanziato dalla Fondazione Cariplo per un totale di 5.500 euro e si sta realizzando nell’anno in corso) e “Boschina di Omegna” (convenzione triennale per la valorizzazione dell’area, per un totale di 9.000 euro).

I progetti sostenuti come progettazione sono “Torre di Buccione” (progetto di restauro interno presentato dal Comune di Orta per consentire l’accesso alla sommità e allestire centro di informazione sulle tematiche ambientali: é stato approvato, ma non finanziato per esaurimento del capitolo di spesa dedicato ai distretti Unesco), “Progetto Canneti” (presentato dai Comuni del lago per la salvaguardia dei canneti tramite il bando regionale di riqualificazione dei corpi idrici superficiali), “Progetto rinaturalizzazione ex Gobba ferroviaria di Gozzano” (presentato su un bando della Compagnia di San Paolo: non é stato finanziato, ma il Comune sistemerà comunque il sedime ferroviario con fondi propri) e “Progetto Dilagarte” (progetto su un bando InLuce, della Compagnia di San Paolo, per lo sviluppo di una proposta turistica green e compatibile: saranno richiesti 70.000 euro ed è in fase di presentazione).

I progetti in sviluppo in capo alla Provincia di Novara sono “Estensione del ‘Sentiero Novara’ al lago d’Orta” (prevede il passaggio del sentiero sulla traccia Ameno, Orta, Pella, San Maurizio d’Opaglio, Gozzano per ricomprendere la parte novarese del lago nel “Sentiero Novara”: é finanziato e in fase di attuazione), “Ampliamento delle web cam sul lago” (prevede l’ampliamento degli occhi elettronici che danno informazioni ai turisti ed agli appassionati di sentieristica e ciclabilità, è finanziato e in fase di attuazione) e “Censimento della sentieristica Novarese” (con il quale si intende censire tutti i sentieri della Provincia di Novara, in particolare i tanti e ben strutturati percorsi attorno al lago. Il progetto é in fase di assegnazione definitiva).

Vi sono, inoltre, iniziative più circoscritte: la realizzazione di un pannello informativo sulla storia di inquinamento del Lago d’Orta per l’Hotel San Rocco (in fase di realizzazione), la rivisitazione del posizionamento in alcuni Comuni del Cusio di Web Cam posizionate con fondi del PSR 2014 2020, su iniziativa della Provincia di Novara, alcune autogestite come il progetto “Gran Tour del Lago d’Orta” con la creazione di un trekking in cinque giornate attorno al lago per sviluppare il turismo slow e iniziative supportate a livello informatico come il progetto didattico “Ambientiamo” sviluppato dall’associazione “Amici del Fermi” (ente aderente al Contratto di Lago del Cusio).

Condividi la notizia...