La Città di Novara ricorda Francesco Caldara. IL VIDEO

La Città di Novara ricorda Francesco Caldara. IL VIDEO

10 Maggio 2021 Off Di Redazione
Condividi la notizia...

Il 9 maggio 2021 è stata definitivamente posata la Stele a memoria del novarese Francesco Caldara vittima di un attacco terroristico nel 2015.

Oggi inauguriamo questa Stele grazie alla collaborazione di associazioni e imprese del territorio. E’ stata posizionata nel parchetto titolato a Francesco Caldara, dedicata alla memoria del defunto e di tutte le vittime di quel marzo del 2015 nell’attentato al Museo del Bardo a Tunisi.

Lo facciamo oggi, perché è il 9 maggio ed è la giornata in memoria delle vittime del terrorismo, una giornata molto significativa per ricordare a tutti, anche qui a Novara, quanta sofferenza ho portato il terrorismo nelle case di tantissime persone e famiglie nel corso della storia, oltre a essere una lotta che ancora va portata avanti da parte di tutti, unitamente e convintamente” queste le parole del Sindaco di Novara Alessandro Canelli.

“Mentre eravamo in crociera, siamo andati con il pullman a fare un’escursione, ma da quel pullman non siamo più scesi perché lui è stato colpito e anch’io. Vorrei che non ci si dimentichi cos’è il terrorismo perchè tutto può succedere a tutti e in qualsiasi momento. E’ un ricordo che non deve passare inosservato, il parchetto e la stele sono un’idea perfetta e ringrazio il Comune di Novara a partire dal Sindaco Alessandro Canelli, perchè ci sono stati tutti vicini nel momento del bisogno.

Vorrei davvero che la Città di Novara non si dimentichi di Francesco e tutti gli altri che hanno perso la vita a causa del terrorismo in una maniera così atroce” ci racconta Sonia Reddi, sopravvissuta e compagna della vittima.

“Abbiamo lavorato in maniera seria e fatto rete come Provincia con l’Associazione Città Futura, con il Comune di Novara, con la SUn, con Assa Novara, con la Notarimpresa che ha sponsorizzato l’opera, riuscendo a mettere insieme davvero tante energie per arrivare a un momento importante: quello di un’inaugurazione che serva a tutti per non dimenticare quanto è accaduto.

In questi anni personalmente, sono stato molto vicino a chi è stato colpito da questo attentato terroristico ed è con commozione, che oggi posso dire che siamo riusciti a fare questa inaugurazione e aver messo un ricordo perenne che servirà da una parte, per non dimenticare quanto accaduto e dall’altra, a dare più attenzione a questo parco per valorizzarlo a favore dei residenti e bambini che spesso vengono qui a giocare.

Oggi più che mai, serve per non dimenticare e per trasmettere alle future generazioni quanto accaduto” dichiara Ivan De Grandis Consigliere Provinciale delegato alla Cultura.

“In una giornata così, ricordare Francesco e in generale tutte le vittime del terrorismo, era per la nostra azienda un dovere e quindi siamo stati contenti, un paio d’anni fa, di aderire a questa iniziativa che è stata promossa da Ivan De Grandis per ricordare il nostro ex dipendente” le parole di Gaetanino D’Aurea Presidente SUN.

“Sono molto contento di questa inaugurazione dopo 2 anni di attesa a causa della pandemia e di tutte le pratiche burocratiche, in memoria di un novarese morto in un tragico attentato che ha scosso tutta la Città di Novara” racconta Stefano Rossi Ref. Ass. Città Futura.

“Sin da subito, abbiamo deciso di abbracciare questo progetto per il ricordo del nostro concittadino Francesco che purtroppo è stato vittima di uno dei momenti più bui della nostra storia. La speranza è che la sua morte non sia dimenticata e che soprattutto, questo momento sia definitivamente finito per la nostra società” dichiara Andrea Notari Notarimpresa SpA.

“Sicuramente è una vicinanza della Città di Novara nei nostri confronti che a distanza di anni, si ricorda di questo momento tragico. Molte volte, con il passare del tempo, la gente si dimentica e questa Stele vuol essere un motivo per ricordarci di quanto è successo, anche se indietro non si può tornare” conclude Greta Caldara figlia della Vittima.

Ph copertina: Luigi D’Amico

Il video della cerimonia

Condividi la notizia...