Attività sanitaria a favore di profughi provenienti dall’Ucraina

Attività sanitaria a favore di profughi provenienti dall’Ucraina

1 Aprile 2022 Off Di Redazione
Condividi la notizia...

L’Asl Novara, per far fronte all’emergenza dovuto allo stato di guerra in Ucraina, ha riorganizzato l’attività sanitaria ambulatoriale nelle sedi di Arona e Borgomanero del Distretto Area Nord e nella sede di Novara del Distretto Urbano di Novara.

I profughi provenienti dall’Ucraina per ricevere assistenza sanitaria potranno rivolgersi in accesso diretto (senza prenotazione) nelle sedi di:

Arona: Presidio Sanitario Territoriale – via San Carlo, 11 – piano terra da lunedì a venerdì dalle 9.00 alle 11.00;

Borgomanero: da lunedì 4 aprile 2022 – Poliambulatorio – viale Zoppis, 6 – secondo piano – lunedì e mercoledì dalle 9.00 alle 12.00;

Novara: Ambulatorio I.S.I. – Palazzina A, primo piano, stanza 6 – viale Roma, 7, nelle giornate di:

lunedì 4 aprile 2022, dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 16.00;  martedì 5 aprile 2022, dalle 15.00 alle 17.00;
lunedì 11 aprile 2022 dalle 9.00 alle 12.00 e dalle 14.00 alle 16.00;  martedì 12 aprile 2022, dalle 15.00 alle 17.00;

martedì 19 aprile 2022, dalle 15.00 alle 17.00;  martedì 26 aprile 2022, dalle 15.00 alle 17.00.

Il profugo che dispone del codice STP potrà essere visitato e potranno essergli prescritti accertamenti strumentali e/o viste specialistiche e terapia; nel caso in cui la persona fosse sprovvista del codice citato, gli verrà rilasciato congiuntamente all’assistenza sanitaria.

Per le sedi di Arona e Borgomanero, per facilitare la comunicazione tra medico e paziente, si chiede la presenza di una persona/accompagnatore in grado di parlare in italiano o di tradurre nella lingua di origine le informazioni legate alle condizioni di salute e quelle fornite nel corso della visita.
Presso l’ambulatorio di Novara, oltre al personale medico, sarà invece presente anche un mediatore culturale e/o personale infermieristico.

Ufficio Stampa
S.C. AILCAT Asl Novara

www.regione .piemonte.it/sanita

Condividi la notizia...