Regione Piemonte e Provincia di Novara avviano la mappatura di aree e immobili non più utilizzati

Regione Piemonte e Provincia di Novara avviano la mappatura di aree e immobili non più utilizzati

5 Marzo 2022 Off Di Redazione
Condividi la notizia...

La Provincia di Novara ricorda che la Regione Piemonte ha avviato dallo scorso 22 febbraio un censimento regionale dei siti dismessi per realizzare una mappatura di aree e immobili non più utilizzati.

L’obiettivo è di favorire il sostegno alla competitività attraverso il recupero e la successiva valorizzazione di porzioni di territorio spesso compromesso sotto il profilo paesaggistico-ambientale e di decoro.

“La mappatura – spiega il consigliere delegato all’Ambiente della Provincia di Novara Rosa Maria Monfrinoli – sarà realizzata coinvolgendo direttamente soggetti pubblici e privati, con differenti titolarità sui siti, attraverso la compilazione di un modulo web, che permetterà anche di manifestare interesse a investire sui siti dismessi da parte di soggetti che non ne hanno la disponibilità”.

Per accedere al modulo web, è necessario possedere il certificato Spid o, nel caso di soggetti pubblici, le credenziali Rupar.

Le informazioni confluiranno nella Banca dati del riuso per favorire l’incontro tra l’offerta e la domanda di localizzazione per investimenti di nuove realtà imprenditoriali e per quelle che hanno necessità di ampliare la sede esistente, puntando al recupero e riuso anche nell’ottica di contribuire alla riduzione del consumo di suolo.

Attraverso le informazioni raccolte sarà anche possibile classificare i siti sulla base della loro disponibilità, distinguendo quelli subito riutilizzabili da quelli che invece necessitano di preliminari attività di recupero e di messa in sicurezza.

Questo lavoro è connesso con l’avviso pubblicato dal Mite nell’ambito del Pnnr M2C2I3.1 per la costituzione delle Hydrogen Valleys in aree industriali dismesse, al quale la Regione ha aderito.

Le informazioni sono disponibili al link https:/bandi.regione.piemonte.it/tutti all’interno delle sezioni tematiche “Ambiente e Territorio” e “Sviluppo”.

IMMAGINE DI REPERTORIO

Condividi la notizia...