Al Broletto la commemorazione del pittore ed etnologo novarese Guido Boggiani

Al Broletto la commemorazione del pittore ed etnologo novarese Guido Boggiani

4 Settembre 2021 Off Di Redazione
Condividi la notizia...

Nel commemorare il personaggio nell’anniversario della nascita, sabato 25 settembre all’Arengo del Broletto di Novara, alle ore 10.30, Leigheb percorrerà con una proiezione di immagini e informazioni in gran parte inedite, il processo di riscoperta e rivalutazione, dalla seconda metà dell’800 sino ai nostri giorni, di questo singolare personaggio novarese di fama internazionale che ha contribuito a far conoscere con studi, pubblicazioni e ricerche durate oltre un decennio.

L’evento è promosso dalle associazioni dei Novaresi dell’Anno (NovareSì Per), Novaresi nel Mondo e Pro Loco di Novara col supporto del Comune e della Provincia di Novara.

Il 25 settembre 2021 ricorre l’anniversario della nascita dell’affermato pittore ed etnologo novarese Guido Boggiani (1861-1901), personaggio che, col passare del tempo, sia per le sue opere, la vita avventurosa e la modernità dei suoi intenti che per merito di famosi studiosi come Claude Lévi-Strauss, Alfred Métraux, Paul Rivet, Darcy Ribeiro etc… che ne hanno apprezzato e  proseguito le ricerche e le scoperte compiute da Maurizio Leigheb in Italia e all’estero e relative pubblicazioni, è andato acquisendo crescente interesse e fama a livello internazionale.

Al Broletto di Novara, con l’amico Lino Cerutti, nel 1985 Leigheb ha organizzato, per la Provincia di Novara e il Museo Nazionale Luigi Pigorini di Roma, la Mostra e il Convegno Internazionale di studio “Guido Boggiani, pittore, esploratore, etnografo. 

La vita, i viaggi, le opere” cui hanno   partecipato i maggiori studiosi di Boggiani provenienti da vari Paesi (Italia, Francia, Cecoslovacchia, Germania e Brasile). La mostra, allestita nel Salone dell’Arengo e nella Galleria Giannoni, ha ospitato la produzione pittorica dell’artista italiano, le sue opere tradotte in varie lingue, varie riproduzioni dei suoi disegni e parte delle sue collezioni etnografiche provenienti dal Museo Pigorini.

Il Convegno Internazionale organizzato a Novara è stata l’unica occasione in cui si è affrontata la figura e l’opera di Guido Boggiani in modo multidisciplinare, facendo il punto sulle ricerche, conoscenze, e scoperte compiute sino a quella data.

L’indio Macsuara, accompagnato in Italia, come rappresentante dell’etnia Caduveo dalla etnologa brasiliana Berta Ribeiro, ha dichiarato d’essere venuto nel nostro Paese per conoscere il suo passato attraverso i reperti e gli scritti di Boggiani per informare il suo popolo.

Oltre alle notizie inedite sulle collezioni naturalistiche donate da Boggiani al Museo Giacomo Doria di Genova riportate dal naturalista Roberto Poggi, val la pena di segnalare l’importante valutazione dell’apporto linguistico di Boggiani, dopo l’apprezzamento di un noto linguista come Cestmir Loukotka, proposta da Giorgio Raimondo Cardona, grande glottologo dell’Università La Sapienza prematuramente scomparso all’età di 45 anni.

Condividi la notizia...