Siglata la convenzione per il controllo dei corsi d’acqua nel novarese

Siglata la convenzione per il controllo dei corsi d’acqua nel novarese

25 Giugno 2022 Off Di Redazione
Condividi la notizia...

Con questa iniziativa l’Amministrazione provinciale aggiunge un ulteriore tassello nel suo programma di azioni di tutela del territorio e, in particolare, delle acque di laghi, fiumi, torrenti e rogge del nostro territorio.

Nel momento particolare che stiamo vivendo a causa della siccità, il lavoro delle nostre Guardie ecologiche volontarie che vengono messe a disposizione dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale del Piemonte, è un atto concreto che riteniamo particolarmente significativo nell’opera di controllo e monitoraggio ambientale per preservare ulteriormente le nostre risorse idriche.

Il consigliere delegato alla Polizia provinciale e alle Guardie ecologiche volontarie della Provincia di Novara Arduino Pasquini presenta con queste parole la sigla della Convenzione per l’organizzazione di servizi di prevenzione e vigilanza ambientale territoriale siglato, nella mattinata del 24 giugno a palazzo Natta, con il direttore generale di Arpa Piemonte Angelo Robotto.

<<La convenzione, che avrà una durata di due anni, fa particolare riferimento alle azioni di monitoraggio dei corsi d’acqua del nostro territorio con finalità conoscitive: la Provincia – precisa il consigliere – metterà a disposizione di Arpa le proprie Gev, che opereranno in stretta collaborazione con il personale delle sede novarese di Arpa.

L’Agenzia regionale, preliminarmente allo svolgimento delle attività, predisporrà attività di formazione e affiancamento per le Gev, con riferimento agli aspetti quantitativi e qualitativi della risorsa idrica, secondo uno specifico piano formativo condiviso.

Arpa Piemonte metterà inoltre a disposizione delle Guardie il materiale necessario per il campionamento quali bottiglie e contenitori adeguati alle esigenze laboratoristiche>>.

Al termine della formazione sarà predisposto <<un protocollo operativo specifico e che verrà periodicamente rinnovato per una migliore programmazione delle diverse attività previste per le Gev.

Queste – prosegue il consigliere – una volta formate potranno svolgere attività di monitoraggio conoscitivo dei corsi d’acqua a seguito di eventi occasionali di inquinamento e saranno tenute a comunicare innanzitutto al tecnico di Arpa in servizio o in reperibilità la problematica riscontrata, procedere, secondo le indicazioni fornite dallo stesso tecnico, al prelievo di campioni, trasportarli nelle modalità concordate con il tecnico e redigere per ogni servizio svolto una specifica relazione da trasmettere sia ad Arpa, sia anche alla Provincia.

Ovviamente tutte le attività relative alla gestione e all’analisi  dei campioni restano in carico ai tecnici dell’Agenzia>>.

Il consigliere esprime soddisfazione per il risultato raggiunto. <<Si tratta di un’iniziativa sicuramente innovativa per la nostra realtà e che vede un ulteriore coinvolgimento delle nostre Gev, volontari che hanno sempre dimostrato competenza e disponibilità nel loro lavoro.

La Provincia di Novara – conclude Pasquini – ha avviato in questo modo avviato un percorso che ritengo possa rappresentare un esempio anche per le altre Province piemontesi>>.

Condividi la notizia...