L’ASL di Novara aderisce al World Prematurity Day

L’ASL di Novara aderisce al World Prematurity Day

17 Novembre 2021 Off Di Redazione
Condividi la notizia...

L’ASL Novara aderisce alla Giornata Mondiale della Prematurità – World Prematurity Day –  attraverso il Centro nascita dell’Ospedale S.s. Trinità di Borgomanero che accoglie i bambini prematuri  superiori alle 32 settimane di età gestazionale.

Da giovedì 18 a sabato 20 novembre la palazzina Materno-Infantile dell’Ospedale di Borgomanero si colorerà di viola per sensibilizzare la popolazione sulla prevenzione del parto pretermine, sulla nascita prematura e sul percorso di crescita dei bambini, che dalla nascita sono ricoverati in un reparto di cure subintensive o intensive.

Sabato 20 novembre saranno invitati, dalle 14:00 alle 18:00, inoltre, i bimbi “ex prematuri” nati negli ultimi due anni presso l’ospedale cittadino, per consegnare loro un piccolo dono preparato dalle infermiere del reparto di neonatologia.

Tra i diritti fondamentali contenuti nella Carta dei diritti del bambino nato prematuro (approvata dal Senato nel 2010) si ricordano: il limitare il più possibile la separazione mamma-bambino e incentivare e supportare sempre l’allattamento al seno.

Il Centro di Borgomanero riconosce ed opera ogni giorno per rendere effettivi i diritti inalienabili di un bambino che, nato prima del tempo, deve essere considerato una persona che necessita di attenzioni e di cure.

L’obiettivo è di non separare mamma e bambino dalla nascita se le condizioni e il grado di prematurità lo consentono.

Nel caso sia necessario monitorizzare o avviare cure intensive, i genitori possono in qualunque momento stare accanto al proprio bimbo, accarezzarlo, eseguire manovre di nursing o eseguire la marsupio terapia.

Durante tutta la degenza, così come dopo la dimissione, il latte di mamma resta il più prezioso alimento per questi nostri piccoli pazienti…

Non solo curarli ma anche prendersi cura di loro!

prematurità

Condividi la notizia...