La provincia prosegue nell’impegno per l’inclusione scolastica con un nuovo corso per insegnanti

La provincia prosegue nell’impegno per l’inclusione scolastica con un nuovo corso per insegnanti

13 Novembre 2021 Off Di Redazione
Condividi la notizia...

Il consigliere delegato all’Istruzione Gaetano Picozzi presenta il proseguimento del corso di formazione sui Disturbi specifici dell’apprendimento organizzato dalla Provincia di Novara insieme con l’Iss “Bonfantini”, l’Iti “Omar”, l’Ite “Mossotti” e l’Associazione italiana Dislessia e con il contributo di “Esseco”.

<<Ancora una volta, attraverso questa iniziativa, diamo continuità all’impegno che la nostra Amministrazione ha dimostrato e tuttora dimostra rispetto alle tematiche che riguardano l’inclusione delle fasce deboli e dei soggetti fragili, sia che si tratti di disabilità, sia che si tratti di persone con disturbi dell’apprendimento, dando un contributo per un cambio di passo culturale a partire dal mondo della scuola>>.

<<Si tratta – spiega il consigliere – del proseguimento, con ulteriori ore formative, del corso che si era tenuto lo scorso maggio.

Il tema è “Bes e non solo Dsa – Dalla diagnosi al successo scolastico, dalla normativa alla parte psicologica” e l’obiettivo resta quello di fornire ai docenti delle Scuole secondarie di secondo grado gli strumenti per la comprensione e la valutazione dei diversi tipi dei disturbi dell’apprendimento in modo da stabilire un rapporto proficuo con gli studenti, cercando di lavorare al superamento degli ostacoli e valorizzandone le potenzialità.

Il corso si articolerà in quattro incontri, ospitati dal “Bonfantini” e dall’”Omar”, che prenderanno il via dalla giornata di domani, mercoledì 10 novembre, e quindi il 15 novembre, il 23 e 14 dicembre, il 25 novembre e 16 dicembre, il 22 novembre e il 13 dicembre, il 23 novembre e il 14 dicembre, con laboratori funzionali a una migliore operatività nell’attività didattica nella settimana del 22 novembre e nella settimana del 13 dicembre, per complessive ventisei ore.

Grazie agli interventi di esperti gli insegnanti potranno migliorare il proprio approccio non solo nella gestione del rapporto con i ragazzi, ma anche con le famiglie per un risultato che vede il concreto impegno del nostro Ente pubblico territoriale, del mondo della scuola, delle società civile e degli Enti del terzo settore>>.

Condividi la notizia...