Dai Pavesini all’Autogrill: la bellissima storia di Mario Pavesi

Dai Pavesini all’Autogrill: la bellissima storia di Mario Pavesi

28 Luglio 2021 Off Di Redazione
Condividi la notizia...

Oggi, durante un viaggio in autostrada, fermarsi in un Autogrill, consumare una colazione o uno spuntino, acquistare qualche prodotto diverso dal solito è davvero consueto e assolutamente scontato, ma da dove nasce e quando cominciò tutto questo?

Tutto ebbe inizio dalla campagna pavese e dalla storia di un uomo che fondò la Pavesi, l’azienda dolciaria notissima per i Pavesini e diede il via ai primi Autogrill.

Mario Pavesi nacque a Cilavegna, in provincia di Pavia, il 29 dicembre 1909, secondogenito di Luigi e Carolina Falzoni.

Nel 1934, con il fratello Pietro e la sorella Ambrogina, Mario si trasferì a Novara, dove rilevò una pasticceria in Corso Cavour.

Due anni dopo inaugurò un nuovo forno, di più ampie dimensioni collocato nelle vicinanze della stazione ferroviaria, in via dei Caccia e, poco prima della seconda guerra mondiale, ne aprì un terzo, in via Monte Ariolo, dove lavoravano una decina di operai.

L’ampliarsi dell’attività artigianale di Pavesi lo vide affiancare alla produzione del pane altri prodotti da forno, tra cui quella che era una specialità tradizionale locale, i biscottini di Novara, che iniziò a commercializzare in maniera sempre più capillare e sempre meno artigianale.

Il primo punto di ristoro autostradale italiano fu realizzato da Pavesi nel 1947 sulla Torino – Milano, a Veveri nei pressi del casello di Novara. 

Nel 1958 vennero inaugurate due aree ristoro Pavesi a Lainate sulla Milano – laghi e a Ronco Scrivia sulla Genova Serravalle, nel 1959 fu la volta dell’Autogrill di Bergamo sulla Milano-Brescia.

Nello stesso anno, dopo una lunga fase di elaborazione, fu proposta la soluzione architettonica che identifica nell’immaginario comune la tipologia degli Autogrill: la struttura a ponte posta a cavallo delle sottostanti corsie veicolari.

Nel 1971 l’imprenditore cedette alla Montedison le sue quote azionarie della Pavesi e rilevò, nel contempo, la Rabarbaro Zucca, la cui gestione venne presto affidata ai figli Pier Luigi ed Ettore.

Mario Pavesi morì a Milano il 5 febbraio 1990 e fu sepolto nella sua Cilavegna.

Paola Montonati

FONTE: https://colospaola.wordpress.com/2017/01/19/mario-pavesi-luomo-dei-pavesini/

Condividi la notizia...